Giallino

Gianluca Di Pompeo alias “GIALLINO”, nasce il 29 aprile 1967 ad Ancona.

La sua avventura subacquea comincia nell’estate 1997.

Infatti dopo aver asserito per anni di non avere il tempo per fare il corso, qualcuno lo spiazza dicendogli che l’avrebbe potuto fare nei ritagli di tempo (potenza della PADI) ed allora: si comincia!!!

Si guadagna immediatamente quello che sarà poi per sempre il suo nome di battaglia, il tanto agognato da tutti i soci del club soprannome. Diventa così “Giallino”.

Il suo avvento al Centro Sub Monte Conero ha però un’importanza doppia poiché Gialli di mestiere fa il grafico e quindi comincia anche a curare molta della parte immagine (magliette, locandine, inviti per le varie manifestazioni, cartelline varie per i corsi, la copertina del CD “Il Mondo sommerso della Riviera del Conero” e molte altre cose ancora), cose che prima faceva il Guru con risultati certamente inferiori (date a Cesare quel ch’è di Cesare).

Come quasi tutti i ragazzi di questo Staff, dopo il corso Open vengono anni frenetici, tra altri corsi, viaggi ed immersioni in Italia e all’estero, fino a diventare nel 2000 Master Scuba Diver Padi. Questo brevetto, a detta di Giallino è il raggiungimento di un sogno, in quanto LUI asserisce che non potrà mai fare di più per problemi fisici legati ad una schiena di cristallo che lo tormenta da anni.

INTERMEZZO A LUCI ROSA

…….Avviene in quel di Hurghada durante un mitico viaggio, che il biondo/occhi azzurri Giallino, in attesa gli venisse assegnata la stanza dell’albergo, si trova faccia a faccia con quella che diverrà  la sua anima gemella: la “Biondina” istruttrice milanese Anna Ferri. Ne rimane subito affascinato.

Nel luglio del 2000 torna ad HRG e per una settimana lavora in un diving, sia a terra, che come guida d’appoggio snorkeling e subacquea in quei paradisi ormai già suoi. Passano una manciata di giorni e torna per tutto agosto a fare la guida d’appoggio nei full-day ed in crociera alle Isole Brothers.

Si ritorna a casa e… …sarà perché qualcuno (potete immaginare chi) lo convince che “ha i numeri per farlo” sarà perchè quell’incontro di Hurgada gli dà qualche motivazione in più, ecco che il prode Giallino, stringendo non poco i denti, nel giugno del 2001 diventa un professionista della subacquea raggiungendo il tanto agognato brevetto di DIVE MASTER, legalizzando anche la sua posizione.

Le sue passioni oltre la subacquea ed in particolare i cavallucci (un Hippocampo é il suo logo), sono il motociclismo (non ditegli di guidare un’immersione se c’è Valentino Rossi in TV), il tiro a segno del quale è istruttore e la Nutella (riesce a spalmarla sull’impossibile) e da poco tempo si è molto appassionato alle macchinine telecomandate.

Giallino è un subacqueo diligente preciso e metodico (mitici sono i suoi libretti d’immersione), immergersi con lui è una garanzia!

Comments are closed.